Nel cuore de “l’orto lieto”: un viaggio tra le Crucifere (prima puntata)
18321
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-18321,bridge-core-2.5.3,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,side_area_uncovered_from_content,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-23.8,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.4.1,vc_responsive

Nel cuore de “l’orto lieto”: un viaggio tra le Crucifere
(prima puntata)

Qui, a “l’orto lieto”, dove la bellezza, serena, continua instancabile a esprimere se stessa sotto forme e colori che ancora ci sorprendono, oggi, che ci sentiamo un po’ esploratori, abbiamo deciso di intraprendere un viaggio tra le crucifere. Caro lettore, se hai qualche minuto per leggere, scoprirai che queste non sono semplici verdure: sono messaggere di storie antiche, fonte di una salute che non vacilla, e simboli di una relazione straordinaria con Madre Terra.
Vieni ad esplorare!

 

Il cavolo cappuccio: il saggio verde
In primo piano troviamo il cavolo cappuccio. Questo ortaggio, ricco di storia e cultura, è una miniera di nutrienti vitali. Oltre a essere un forte alleato contro i radicali liberi, è sorprendentemente benefico per la tiroide. Ma la sua magia più grande giace nella sua capacità di potenziare le proprietà curative degli altri alimenti con cui viene consumato, un segreto che la scienza sta ancora cercando di svelare. La sua presenza nell’alimentazione è stata riconosciuta fin dai tempi degli antichi Greci, che ne apprezzavano la versatilità e il valore nutritivo.

 

Il cavolo rosso: l’artista dell’orto
Il cavolo rosso si rivela non solo un elemento decorativo dell’orto con il suo vibrante colore rosso-violaceo, ma si afferma anche come un ingrediente cruciale per la salute, in particolare per il fegato. L’alta concentrazione di antocianine, responsabili della sua pigmentazione, non solo abbellisce questo ortaggio, ma svolge anche un ruolo protettivo per la nostra salute. Il cavolo rosso si distingue per la sua capacità di agire come un indicatore naturale del pH, evidenziando le meravigliose interazioni chimiche presenti in natura. La sua utilità storica come colorante naturale e come indicatore di acidità o alcalinità aggiunge un altro strato alla sua fascinazione. La presenza di zolfo facilita il trasporto dei composti fitochimici al fegato, potenziando così le funzioni depurative di quest’ultimo e contribuendo alla prevenzione e alla guarigione delle lesioni epatiche. L’accostamento con le mele, in particolare, crea un mix potente per la pulizia del fegato, della milza e del tratto intestinale da batteri, virus e altri parassiti.

 

Il cavolfiore: il custode dei segreti
La struttura complessa ed anche il colore bianco fanno del cavolfiore un custode di segreti nutritivi. Questo ortaggio, non solo è fonte di boro, fondamentale per la salute della tiroide e dell’intero sistema endocrino, ma si distingue anche per la sua facile digeribilità, specialmente quando consumato crudo, conservando così tutte le sue preziose proprietà nutritive. L’aggiunta del cavolfiore alla dieta amplia la gamma di piatti salutari, mantenendo al contempo una forte connessione con le sue origini storiche che risalgono all’antico Egitto. L’abbinamento con le alghe marine trasforma il cavolfiore in un potente agente disintossicante, capace di espellere sostanze nocive dalle ghiandole endocrine.

 

I broccoli: i cavalieri della salute
I broccoli, verdi e robusti, si ergono come cavalieri dell’orto, armati di un ricco arsenale di vitamine, oligoelementi e sostanze nutritive. Questi ortaggi non solo promuovono la salute generale, ma sono particolarmente noti per le loro proprietà anticancerogene, soprattutto nei confronti dei tessuti polmonari, grazie all’abbondante presenza di zolfo. L’unione con gli asparagi amplifica le loro proprietà benefiche, potenziando l’azione depurativa sul sistema renale. Questo abbinamento, semplice da preparare, ad esempio tramite la cottura al vapore, offre un piatto ricco di benefici per la salute.

 

In sintesi, il cavolo rosso, il cavolfiore e i broccoli rappresentano non solo una fonte di bellezza e varietà nel giardino, ma anche pilastri fondamentali di una dieta equilibrata e salutare. Ognuno di questi ortaggi porta con sé un bagaglio di benefici unici, sottolineando l’importanza della biodiversità alimentare per il benessere del corpo umano.

 

Come si può non rimanere ammirati quando, attraversando il nostro orto, li vediamo spuntare misteriosi, come da un affascinante cilindro nero tra le mani di un divino mago?

 

Le informazioni e le prospettive presentate in questo articolo traggono ispirazione dall’opera di Anthony William, Medical Medium: Scopri cosa si nasconde dietro le malattie e guarisci mente e corpo. Ediz. ampliata (2021), tradotta da Manuel Piani e pubblicata da My Life.

 a cura del
Team l’orto lieto

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.